PRIMA LA FAMIGLIA

Il sistema dei servizi sociali deve rivolgere la sua attenzione al nucleo famigliare, oltre che alla persona, con l’obiettivo di costituire una rete integrata di servizi di welfare che prenda in carico e accompagni le persone nel momento del bisogno in un’ottica non assistenzialistica, ma favorendo la fuoriuscita dalla situazione di bisogno e il recupero di una più piena dignità umana.

FASCICOLO SOCIALE DELLA FAMIGLIA

Le nostre linee strategiche

Concentrare l’attenzione su azioni che mettano al centro il bene dei bambini, degli anziani, dei disabili e delle famiglie in difficoltà: avvalendosi anche delle politiche e dei finanziamenti di Regione Lombardia è possibile realizzare un sistema integrato per la realizzazione di Piani e progetti Individualizzati. San Donato sarà uno dei primi comuni italiani a dotarsi del fascicolo sociale della famiglia, grazie al quale identificare i reali bisogni dei nuclei familiari in difficoltà e fornire risposte coordinate che permettano l’accompagnamento verso la risposta al bisogno con un servizio più puntuale e un migliore utilizzo delle risorse economiche comunali.
Tale fascicolo, inoltre, verrà utilizzato anche quale strumento di controllo per l’uso ottimale ed appropriato delle risorse pubbliche. Parallelamente, dovranno essere previste facilitazioni, vincolate da parametri di reddito, per l’accesso ai servizi pubblici cittadini per particolari categorie, come famiglie con più figli, persone con disabilità, famiglie monoparentali e padri separati.

 Le nostre azioni

Infanzia e minori:
- potenziare i servizi di asilo nido e scuola materna valorizzando le realtà  già esistenti

Anziani:
- sviluppare servizi domiciliari e di prossimità che consentano alle famiglie di occuparsi dei propri nonni senza dover sostenere costi ingenti e disagi organizzativi
- progetti di cohousing ovvero forme di vicinato tra anziani per un aiuto reciproco e servizi sociosanitari e assistenziali domiciliari
- realizzazione, compatibilmente con quanto previsto dalla pianificazione regionale,di una RSA (casa di riposo) di tipo polifunzionale, coerentemente  a quanto previsto dalla nuova legge regionale di Riforma del Servizio Socio-Sanitario
- incentivare forme di aggregazione e svago per i nostri concittadini senior, in modo da garantire una terza età attiva
 
Famiglie in difficoltà:

- accesso al reddito di autonomia di Regione Lombardia
- sviluppo dei servizi per il lavoro e la formazione
- accesso alla casa a condizioni sostenibili
- servizio di consulenza e sostegno per donne in situazioni di disagio famigliare o maltrattamenti e istituzione di un Centro anti-violenza
- promozione dell’associazionismo familiare cittadino, con coinvolgimento delle stesse associazioni nella progettazione e realizzazione delle politiche familiari
- definizione di programmi di sostegno economico, psicologico e sociale alle donne in stato di gravidanza e in difficoltà (turbative pre e post-parto, difficoltà economiche, problematiche legate, ad esempio, alle graduatorie per gli asili)

Disabilità:
- creazione di una rete di servizi sociali integrati e coordinati con ATS e ASST
- creazione centro specializzato per i disturbi dell’autismo e le disabilità (BES, dislessia, ecc…) in collaborazione con le scuole e i genitori
- costituzione di un Gruppo di Approfondimento Tecnico (GAT), per individuare ed eliminare le barriere architettoniche ancora esistenti
- iniziative di aggregazione e sensibilizzazione

POLITICHE PER LA CASA

  Le nostre linee strategiche

Creare le condizioni per favorire la realizzazione e la disponibilità di alloggi alle famiglie: gli interventi saranno strutturati principalmente sul recupero di spazi attualmente inutilizzati limitando il consumo di suolo

  Le nostre azioni

- Rendere più efficiente e trasparente la gestione del servizio di edilizia residenziale pubblica, ridefinendo le modalità d’accesso privilegiando e dando priorità all'anzianità di residenza
- Effettuare il controllo periodico dei requisiti per l’assegnazione della casa e l’erogazione dei servizi con un attento monitoraggio del reddito e della situazione socio economica
- Aumentare la disponibilità di alloggi a canone concordato attraverso strumenti  operativi che favoriscano il potere negoziale dell’Ente verso i costruttori privati
- Attivazione di convenzioni e accordi con operatori pubblici e privati al fine di facilitare l’utilizzo ed il recupero di nuove costruzioni rimaste invendute
- Definizione di un vero e proprio Piano Casa, utilizzando risorse e/o strumenti che i diversi livelli istituzionali (dalla Regione all’Unione Europea) mettono a disposizione
- Utilizzo delle fideiussioni non ancora escusse e realizzazione di interventi di edilizia residenziale popolare
- Adesione e finanziamento del Fondo Sostegno Affitto e delle nuove misure promosse da Regione Lombardia al fine di dare concreta risposta ai casi di morosità incolpevole e sostegno alle famiglie che vivono in condizioni di disagio abitativo, primo grave segnale
 
di problematiche famigliari e sociali da affrontare in modo integrato.

#unitisivince a sostegno di Cesare Mannucci

Il Centro Destra di San Donato Milanese si presenterà compatto alle elezioni amministrative del prossimo 11 giugno

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

Scarica e leggi il programma amministrativo completo di Cesare Mannucci candidato Sindaco a San Donato Milanese

Contattaci per maggiori informazioni. Compila e invia il modulo qui sotto o invia una email a mannuccisindaco@gmail.com

A cavallo del nuovo millennio, infatti, ha ricoperto la carica di Sindaco nel Comune di Mediglia. Sotto la sua direzione, Cesare Mannucci, ha contribuito a realizzare una profonda trasformazione dell’ambiente urbano e della qualità dei servizi, promuovendo la riorganizzazione della macchina comunale, supportando con azioni concrete lo sviluppo della vita associativa e culturale, rinnovando così la comunità medigliese.