MANNUCCI: «L’AMMINISTRAZIONE USCENTE VUOLE PRENDERSI MERITI CHE NON LE SPETTANO»

Mercoledì il candidato sindaco del centrodestra Cesare Mannucci ha dialogato con Vera Coccucci e Giulio Gallera circa i temi legati alla famiglia, alla sanità e al welfare

San Donato Milanese, elezioni amministrative 11 giugno 2017 - Famiglia, sanità e welfare. Sono questi i tre temi di cui il candidato sindaco del centrodestra Cesare Mannucci ha parlato nella serata di mercoledì 31 maggio 2017 presso la sala Ute di Bolgiano. L’iniziativa, organizzata da Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia, è stata l’occasione per confrontarsi con i cittadini e, soprattutto, per cogliere i suggerimenti e le strategie  prospettate dal  consigliere di Città Metropolitana Vera Cocucci e dall’assessore regionale al Welfare Giulio Gallera.

A fare gli onori di casa dando il via agli interventi, è stato Giacinto Calculli storico esponente politico di San Donato Milanese nonché capolista di Forza Italia alle elezioni amministrative dell’11 giugno. Poi Cesare Mannucci,  ha sviscerato gli argomenti e ha fatto il punto sugli ultimi sviluppi relativi alla riforma sociosanitaria.

«L’Amministrazione uscente vuole prendersi meriti cucendosi addosso gradi e stellette che non le spettano
– ha commentato il candidato sindaco – Il progetto di revisione dell'assetto territoriale per quanto riguarda l’ambito sanitario è stato messo in atto dalla Regione non più di sei mesi fa. È previsto un potenziamento del nostro distretto sanitario attraverso l’aumento delle discipline che da 12 passeranno a 17; ci sarà un prolungamento degli orari degli ambulatori, che chiuderanno alle 19, e il numero delle ore di servizio garantite fino ad ora passerà dalle 107 a 249».

Il tutto va sicuramente nella stessa direzione proposta dalla coalizione a sostengo di Manucci, che crede fermamente nel rilancio di San Donato, come ha sottolineato anche Vera Cocucci. «Questa città è sempre stata il punto di riferimento di tutto il Sud Est Milano – ha commentato la consigliera di Città Metropolitana –. Negli ultimi anni, invece, ha perso questa caratteristica. Nonostante Città metropolitana non abbia grandi risorse e vada in continuazione a bussare alle porte di Regione Lombardia in cerca di aiuto, mi auspico che San Donato riacquisisca il ruolo di faro del Sud Est Milano». Tutto questo sarà possibile grazie alla collaborazione di tutte le forze facenti parte della coalizione compatta di centrodestra che ha riunito, dopo anni, Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d’Italia. «C'era bisogno di una ripartenza – ha detto l’Assessore regionale Giulio Gallera -. Occorreva lasciarsi alle spalle momenti non positivi, trovando linfa nuova ed energie nuove, facendo mix tra persone di esperienza e persone nuove. Grazie a questa squadra San Donato potrà ripartire. Il buon governo di regione Lombardia è importante che a cascata venga messo in opera anche a San Donato Milanese, perché noi siamo gli uomini del fare, abbiamo la capacità di metterci a disposizione per risolvere i problemi dei nostri cittadini, senza filtri ideologici. Qui sta la grande differenza fra noi e loro. E per questo – conclude Gallera - Cesare Mannucci è la scelta da fare per San Donato Milanese».

Scrivi un commento

#unitisivince a sostegno di Cesare Mannucci

Il Centro Destra di San Donato Milanese si presenterà compatto alle elezioni amministrative del prossimo 11 giugno

PROGRAMMA AMMINISTRATIVO

Scarica e leggi il programma amministrativo completo di Cesare Mannucci candidato Sindaco a San Donato Milanese

Contattaci per maggiori informazioni. Compila e invia il modulo qui sotto o invia una email a mannuccisindaco@gmail.com

A cavallo del nuovo millennio, infatti, ha ricoperto la carica di Sindaco nel Comune di Mediglia. Sotto la sua direzione, Cesare Mannucci, ha contribuito a realizzare una profonda trasformazione dell’ambiente urbano e della qualità dei servizi, promuovendo la riorganizzazione della macchina comunale, supportando con azioni concrete lo sviluppo della vita associativa e culturale, rinnovando così la comunità medigliese.